lunedì 18 marzo 2013

Il pacchetto dove lo metto

Lo sapevo.
Mica si può dire che fossi impreparata.
Lo sapevo da oltre tre mesi, in effetti.
Però un conto è saperlo, un conto è vederselo davanti, un container di sei metri per tre rimorchiato da una motrice rossa che occupa tutta la strada, e anche un po' di marciapiede.
E poi non te l'aspetti che sia tutto pieno. Voglio dire, 76 scatoloni, pensavo, non occupano mica tutto quel volume lì. Pensavo.
Il cielo, bontà sua, sabato ci ha graziati, e non ha piovuto. Però comunque scaricare un container non è mica una bazzecola. Ho rivalutato il ruolo degli scaricatori di porto, e sono piuttosto incline anche a perdonargli il linguaggio notoriamente colorito.

Il contenuto del container è stato ammucchiato nel garage del Suocero e ne occupa circa un sesto, il che la dice lunga sulle dimensioni del garage del Suocero.
Epperò, nonostante le dimensioni del garage, tutta quella roba prima o poi dobbiamo portarcela in casa.
- Da dove cominciamo?
- Dai giochi delle bambine, cosa dici?
- Sei matta Cognata Bionda? Cominciamo da qualcosa di più basico.
- Tipo?
- Tipo i libri. Dove stanno i libri, fammi vedere...
- Ma tu, Wonder, non ce l'hai una lista degli scatoloni?
- Eccome no. Eccola qui. Tre pagine di roba. In cinese però. Lo sai leggere tu il cinese? Io pochino. Questo carattere sì, è , si dice shu, vuol dire libro. Quelli fondamentali li ho memorizzati. Ce ne sono tre, di pacchi pieni di libri. Vanno subito in macchina, va'. Il terzo dov'è? Mah, sepolto.
- Allora prendiamo questo, che c'è nel 54?
- 卫生用. Facciamo prima ad aprirli tutti...

Il fatto è che dopo che hai scaricato 76 pacchi dal container spostandoli poi dal marciapiede al garage; dopo che hai scelto a caso cinque di quei pacchi, li hai messi in macchina e li hai portati a casa, su per tre rampe di scale; dopo che hai scartato da mille mila strati di carta le palle di ceramica incredibilmente intatte e quadri e suppellettili; dopo che hai riempito il tavolo della cucina di tazze e bicchieri e pentole e ciotole che non hai idea di dove mettere (e aver contemplato mentalmente la soluzione peraltro definitiva di romperle una per una, incerta se mandare in mille pezzi quelle appena arrivate o quelle che hai negli armadi da quasi un quindicennio, e aver constatato di tua mano la facilità di tale radicale determinazione); dopo che hai sommerso il bagno di asciugamani e accappatoi e cuscini che sanno di muffa e che continuano a sapere di muffa anche dopo che li hai lavati sciacquati e centrifugati, e scoperto non senza un certo sconforto che la muffa è tra le macchie più difficili da eliminare anche per le più esperte massaie e che non esiste sul mercato un prodotto specifico; dopo che hai sistemato i libri impilandoli negli angoli dietro le porte e addosso alle librerie già piene; dopo che ti sei resa conto in modo conclamato che hai bisogno di un'altra casa (nel senso di una casa in più); ecco, dopo senti una stanchezza così pesante che sembra che quel container ti sia passato sopra, compreso di motrice rossa, lasciandoti con tutte le ossa rotte e l'impressione che, per tenersi in forma, scaricare scatoloni sia molto più efficace che andare a correre.

Però poi, quando trovi in mezzo alle pentole la teiera che l'Amica Francese ti ha regalato al tuo compleanno, tra le ciotole di porcellana bianca il tè che Tamao ti ha portato dal Giappone e tra il dizionario di cinese e La diva Julia il quadretto, regalo dell'amica Gio, dove le tue bambine sorridono in compagnia delle amichette del cuore rimaste a Shanghai, ti commuovi un po', e quasi ti dimentichi che ti restano ancora 71 scatoloni. 
Molti dei quali, per altro, evidentemente aggrediti dalla muffa.

42 commenti:

  1. 'scolta me, chiama questi http://www.dmax.it/video/programmi/affare-fatto/
    =)

    RispondiElimina
  2. muffa? ma dovuta a cosa? Caxxo! Caxxo! RIMBORSO! RIMBORSO! RIMBORSO!!! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'aria di Shanghai è umida, hehe. Se poi il container resta un mese al porto e un mese per mare... com'è che si dice, condensa? o sfiga?

      Elimina
    2. sfiga condensata. Maledetti!

      Elimina
  3. Ho spostato da un piano l'altro 4 scatoloni e 3 cassettine...giusto per imbarcare!
    Per rimetterle a posto e farci stare tutto ci ho messo una settimana. Ed alla fine ho buttato pure, per sfinimento.
    Non so nemmeno come pensarti, ma ti penso. E ti sono vicina;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Cincia per la vicinanza.
      ora come ora, qui a casa mia non ci sono molte alternative, vicinivicini bisogna stare ;)

      Elimina
  4. ti stavi annoiando? hai la soluzione! ma dati da fare prima che arrivi il caldo: Un caro abbraccio. Anonimo non veneto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vado avanti a 5 scatoloni a settimana, la cosa promette di andare per le lunghe...

      Elimina
  5. Concordo sul fatto che è bene affrontare tutto prima che il caldo arrivi...se no altro che stanchezza,ti dobbiamo raccogliere col cucchiaino!
    Forse, per tutto quel surplus di sevizi di ceramica e altro, conviene cominciare a vendere a qualche mercatino dell'usato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma vendo le cose vecchie o quelle nuove?

      Elimina
  6. Ultimamente grazie al mio trasloco ho rivalutato anch'io il ruolo degli scaricatori di porto :) anche perché a me gli scatoloni li hanno portati su al 5 piano, cosa non da poco se l'avessi fatto da sola! E come te dopo averne svuotato un paio guardo gli altri e dico possono aspettare ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esennò a che serve il garage enorme del Suocero?

      Elimina
  7. Risposte
    1. Lo so, lo so.
      Non dire niente.
      E pensare che credevo di aver comprato poche cose.

      Elimina
  8. Molla tutto e vieni qui, é facile.

    RispondiElimina
  9. Massima solidarietà! I nostri scatoloni erano 59 (ero sconvolta). Dopo quattro mesi e mezzo che sono arrivati (e un secondo trasloco, giusto per non farci mancare niente) sono restate *solo* 5 scatole da smaltire. Però noi entravamo inuna casa vuota.
    Forse è un occasione per un repulisti? Però non rompere i piatti, portali ai mercatini dell'usato, qualcuno li adotterà :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La casa vuota aiuta...
      Ma poi va così, che alla fine terrò tutto, e andrò io fuori di casa! ;)

      Elimina
  10. ah ah benvenuta nel mondo dei tre servizi di piatti, 2 frigoriferi, 2 cucine a gas, senza parlare di quante paia di scarpe da ginnastica che non si sai mai quando ti viene voglia di andare in palestra! e sia mai che si perda la rara iniziative sportiva per mancanza di scarpe! ciao, silvia L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oddio le scarpe.
      quello scatolone non l'ho ancora identificato

      Elimina
  11. buttare, buttare. selezionare e buttare.

    (io no, eh. io tengo tutto. però bisognerebbe fare così).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il coniuge in effetti è di quell'idea lì.
      butterebbe tutto senza nemmeno guardare.
      tanto, dice, se abbiamo fatto senza per tre mesi possiamo fare senza tutta la vita.
      a tratti penso che abbia ragione. a tratti.

      Elimina
  12. fornitura vitalizia di regali di nozze. no?
    se a posto per un bel po'.
    poi la dote per le bambine. metti via e tieni.
    e poi quanto serve per la nuova casa al lago, no?
    insomma devi solo pianificare. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ossignur, la dote per le bambine.
      fornitura per regali di nozze. splendida idea.
      anche la casa al lago, splendida idea.

      Elimina
  13. I miei tre traslochi mi sono riapparsi davanti leggendo il tuo post... ho ancora scatoloni chiusi dal primo con parole chiave scritte fuori che mi lasciano perplessa.........
    buon lavoro
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehm... e quanto tempo è passato, dal primo? O_o

      Elimina
  14. Nella mia vita ho affrontato un trasloco. Da una casa ad un'altra ma stessa città. E due stanze neanche ce le siamo portati.
    Ma un trasloco da un continente all'altro deve essere.... tremendo.
    Ti sono vicina.
    E consolati pensando a quando aprirai l'ultimo scatolone ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per ora la tentazione è lasciare tutto dove sta.
      purtroppo la Suocera non è del mio stesso identico parere.
      vorrebbe che un po' alla volta portassi via tutto.
      ah, queste suocere! ;)

      Elimina
  15. contro l'odore di muffa l'unica è il sole!! Due o tre giorni pieni di sole, ma un sole serio, magari con un pò di vento secco -come la tramontana qui-. Ma per ora non ce n'è manco l'ombra... Se invece la muffa ha fatto anche macchie allora veramente credo non ci sia nulla da fare se non tingere, o buttare...
    e oltretutto stazionare in garage chiusi negli scatoloni non aiuta... :-(
    però non volevo deprimerti ulteriormente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. noooooo!
      niente rimedi della nonna contro le macchie?
      aiiuuuuuttto.

      Elimina
    2. io non ne ho mai trovati nonostante anche l'aiuto della suocera, la nonna appunto!
      a parte che sul cotone bianco dove puoi usare la candeggina, quella vera a base di cloro.

      Elimina
  16. Passo di qui per farti un saluto, dirti che ti leggo sempre anche se commento poco, e per dirti che ti ho assegnato un premio! Non sei obbligata a partecipare, ma magari ti fa piacere...
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao ciccola!
      grazie del premio, del pensiero, del passaggio...

      Elimina
  17. Ahahahah:-):-) sono capitata ora sul tuo blog e ho trovato il tuo post divertente:-) mi dirai: un po' meno per te che devi svuotare e sistemare tutti quegli scatoloni!!
    Forza e coraggio :-)e tanta pazienza:-)
    Ho letto che hai vissuto in Cina, deve esser stata una bella esperienza. Come è stato vivere in un paese come la Cina,??
    http://blogpercomunicare.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pazienza ne ho, una montagna.
      è che è sommersa dagli scatoloni...

      Elimina
  18. Premi e cotillon sul mio blog per te quest'oggi! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. really?
      bispremiata nel giro di una settimana!
      non ci posso credere...

      Elimina
  19. No no, non ti invidio per nulla.
    Io ho fatto 3 traslochi in 3 anni e sono stati terapeutici in quanto a "pulizia" del superfluo (compreso il dover scegliere quale tazza tenere). Ora che sono 4 anni che abito qui e sono di nuovo sommersa di cianfrusaglie indispensabili sto pensando di fare un nuovo trasloco. O, come dici tu, di comprare una casa in più. Sempre se vinco al super enalotto.
    Per i libri..potresti fare una donazione alla biblioteca...loro in genere apprezzano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no no, i libri son l'unica cosa che tengo!
      piuttosto elimino il marito, haha!

      Elimina