domenica 9 dicembre 2012

Sto facendo una lista

Pare che la lista che ho fatto, contenente più o meno tutti gli oggetti che intendo riportare/portare/importare/esportare in Italia, non vada bene.
Non contiene tutte le informazioni necessarie al disbrigo delle formalità doganali.
Devo essere più precisa.
Oltre al numero esatto di calzini, devo dichiarare anche il loro valore approssimativo.
Cioè, considerando che un paio di collant 40 den mi costa 8 euro, e però è evidentemente usato quindi deprezzato, posso stabilire con una certa sicurezza il valore dei collant 40 denari che ho nel cassetto. In ogni caso, possedendo anche collant 30 denari, oltre che alcuni esemplari 70 den o addirittura di lana, la questione si fa più spinosa.
Potrei anche decidere di eliminarne alcuni, per fare prima.
In ogni caso, ho scoperto di avere un discreto capitale nel cassetto delle calze.

La stessa operazione va fatta, ovviamente, non solo per i calzini del consorte (per il quale, a essere sincera, l'operazione matematica risulta più semplice essendo lui affezionato a un solo tipo di calza di cotone ritorto, esclusivamente nera, del valore di euro 7,80 al paio, ovviamente deprezzato), e per quelli delle bambine, che mi sembra di aver contato in 65 paia (e son tre, che vi devo dire? i piedi crescono in fretta), ma, dicevo, anche per tutti gli ammenicoli che ho avuto l'avventatezza di acquistare e posizionare sulle mensole della libreria e del mobile in cucina (e meno male che ho solo questi due piani d'appoggio).

Ma poi, quel centinaio di libri che mi ritrovo quanto varranno? Alcuni assai poco, in verità, nonostante il prezzo di copertina. Ma tant'è, a loro che gli frega, mica possiamo sindacare anche su quello, no? Magari posso mettere un prezzo politico, diciamo 10 euro a pezzo così facciamo conto tondo, eh? Che certi libri, anche se sono usati, mica si deprezzano. Alle volte, anzi, con tutte quelle orecchie che ci metto per ricordarmi i passaggi che mi piacciono, i ricordi chiusi dentro, le pagine rovinate e magari un po' scritte, alle volte, dico, valgono anche di più che da nuovi.
Comunque.
E poi questa lista è piuttosto lunga e ogni minuto mi sembra di doverci aggiungere qualcosa che mi son scordata, e io le liste non le sopporto.
Voglio dire, la lista della spesa non la faccio quasi mai, e infatti torno a casa con un sacco di cose che non servono e di norma senza quelle per cui ero uscita.
La lista dei regali di natale nemmeno, però finisce sempre che qualcosa m'invento per quello che resta escluso. E poi confido sul fatto che conta il pensiero. 
E io penso un sacco, proprio.
La lista delle cose che ho fatto, di quelle che mi piacerebbe fare, di quelle che devo fare, dei posti che ho visto, dei buoni propositi... qui uno volendo va avanti all'infinito, con le liste.

Una volta però l'ho fatta, una lista.
Adesso potrei farla al contrario.
Potrei dire, per esempio, quello che non mi mancherà della Cina.
Vediamo.
1. Lo scaracchiamento e lo sputazzo. Ecco questo son sicura che non mi mancherà.
2. Anche il rutto libero, mi sa.
3. L'orrido stinky tofu, che se lo chiamano stinky ci sarà ben un motivo.
4. Il frastuono dei clacson. Che certe volte mette proprio il nervoso, certe altre ti fa venire un mezzo infarto, e poi è assolutamente inutile, ché nessuno si sposta nemmeno se strombazza un autotreno.
5. ...
Boh.
Ecco, ho già finito.

Cerco di convincermi che sia perché non amo fare liste, ma in realtà sospetto che il motivo sia diverso.

26 commenti:

  1. In fatto di liste mi vengono in mente Sandro Veronesi in "Caos calmo" e Paul Auster in "Diario d'inverno". Ma l'inventario è chiaramente più lungo. Bisogna farle le liste, bisogna farle. Ottimo materiale di scrittura.

    Un abbraccio, Wonder.
    M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se mi dici così mi ci applico.
      non credo ne verrà fuori qualcosa di buono, ma proverò ;)

      Elimina
  2. altre liste in high fidelity di nick hornby..SL

    RispondiElimina
  3. a me veniva in mente una lista spassosissima da tre uomini in barca.
    ma per controllare ho cercato in rete e ho trovato il pdf del libro completo.
    mi sa che mollo a metà il commento e vado a leggermelo. ci si vede alla fine.

    ma non mettermi nella blacklist dei commentatori che a metà del commento si perdono..
    scusa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e hai fatto bene, red.
      me lo son cercato pure io, quel pdf lì!
      che ce lo devo avere cartaceo, da qualche parte in italia, ma quando scappa di leggere...

      Elimina
    2. ma l'hai trovato? e te lo porti in italia? mettilo in lista! ps. ma io a pensare a tre bimbe tre, beh io mi sciolgo. immagino la potenza guerriera.

      Elimina
  4. davvero bisogna mettere il valore anche dei propri indumenti?capisco gli oggetti,i quadri,i tappeti....chessò i cuscini e le sedie,ma i vestiti,le calze...?!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sai mai che uno s'inventi l'importazione di mutande di lana

      Elimina
  5. follia pura, ma come fai? e tutte le altre cose? indumenti, oggetti? ....
    Non ti viene voglia di buttare tutto?
    Luciana - Milano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh, infatti mi sa che nel trasloco qualcosina andrà... come dire... *perso* ;)

      Elimina
  6. Incredibile... Se dovessi fare una lista di tutto quello che ho in casa finirei alla pensione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per fortuna siamo qui solo da un anno e mezzo!

      Elimina
  7. Io sono un'amante delle liste, a partire da quella del freezer! Bacio

    RispondiElimina
  8. Potresti farla creativa, la tua lista, come dicono qui: http://www.brainpickings.org/index.php/2011/07/14/lists-book/
    Non so se i burocrati apprezzerebbero...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bellissimo link Nonna Beta!
      e no, non credo che mi sarebbe utile nella fattispecie contingente...

      Elimina
  9. e il bag-uoch-bag-uoch che ti accompagna imperterrito a ogni uscita, sterminabile solo con una buona dose di bu-iao?
    i cappotti con la manica sotto il gomito?
    lo strascinamento di piedi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dài, brava, aiutami a trovare tutte le cose brutte brutte di questo posto...

      Elimina
    2. il cielo grigio 350gg all'anno.
      la tonalità stridula delle donne di shanghai e il cicaleccio continuo a 90 decibel.
      ripetere la stessa cosa, ogni giorno, ai colleghi cinesi e vedere sul loro volto un sincero moto di sorpresa, ogni volta.
      mei uen ti, quando sai bene che invece sicuramente ci sarà.

      Tutto il resto invece mi fa sorridere

      Elimina
  10. Fatta e finita la lista?
    p.s. non centra nulla ma...domani arriva anche a Shanghai Santa Lucia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. una Santa arriva, sì.
      le bambine ripetono *arriva Santa, arriva Santa*
      non so se è quella giusta ;)

      Elimina
    2. oh bhe ne hanno tutto il diritto di chiamarla in via confidenziale, quale altra Santa si allunga fino a Shanghai per far felici tre veronesine in trasferta? Forse però parlano di Santa Claus...dubbione

      Elimina
  11. ummamma! Mi sono persa qualcosa! Dove te ne vai? Torni in Italia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sìììì!
      ricominciamo tutto daccapo...

      Elimina
  12. Wow! Ma così? All'improvviso? E come faremo senza le cineserie che ci racconti?

    RispondiElimina