venerdì 28 marzo 2014

Apologia dello sciampo

Mi hanno consigliato uno sciampo. Seguo i consigli degli amici, io, così se non funzionano so chi incolpare.
Non ci pensi, però a volte puoi aver bisogno di uno sciampo.
Di una corsa, prima, e poi di uno sciampo.
È utile, lo sciampo, per mandare via i cattivi pensieri, per sciogliere questa parte di me che non mi riconosco, che faccio fatica a comprendere, che non mi piace e non voglio che si incrosti. 
Sto lì, sotto la doccia, a sentire l'acqua scorrere sulla testa, sulle spalle, scendere calda e portarsi via i pensieri, giù fino ai piedi e poi dentro il buco rotondo dello scarico.
Per quello, il bagno non va bene. Lì ci resti immersa, nell'acqua torbida della tua mente, finché non decidi di uscire, e quando lo fai l'acqua, quella vera, quella del bagno, è ormai fredda, il sapone si è addensato sui bordi della vasca e ti resta attaccato addosso. Come fai a togliere i pensieri se non riesci nemmeno a sciacquare via il sapone?
A parte il fatto poi che non ce l'ho, la vasca da bagno.
Quindi, la doccia. Ci vuole la doccia.
L'acqua è sempre calda, sotto la doccia.
Insapono la testa e insisto sulle tempie, sulla nuca, fino a quando la schiuma diventa densa, e poi lascio che l'acqua mi scenda sulla faccia, che riempia la bocca e le orecchie, chiudendomi per un po' in un silenzio ottuso, e portandosi via dagli occhi chiusi anche il mascara, in una scia nera.
E sì, è utile lo sciampo, per levarsi dalla testa i pensieri, e anche i ricordi, quelli belli, bellissimi, che avrei dovuto già da tempo mettere via, in un angolo del cuore, in una piega della mente. Se ne vanno anche loro, insieme alla schiuma, giù per lo scarico, lasciando solo un rumore sordo che resta nelle orecchie lo spazio di un attimo, il tempo necessario al piccolo gorgo di assorbire nel tubo il grumo di tristezza.
Chissà se torneranno.
Comunque, al limite mi farò un altro sciampo.

14 commenti:

  1. Una volta, quando avevo i capelli, lo sciampo dal parrucchiere era un'esperienza notevole, mi par di ricordare. Se me lo faceva la Paola.
    E cmq i grumi di tristezza intasano il tubo di scarico.
    Bel pezzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si accettano consigli su come sturare il tubo :)

      Elimina
  2. Mi sono tagliata i capelli. Pensavo avrebbe avuto un effetto taglio anche su altro. E non è stato. Quindi anch'io vado a farmi un altro sciampo.

    (E' bello ritrovarti tra uno sciampo e l'altro.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Viola.
      certi tagli funzionano, ma devono essere radicali.
      facciamocelo insieme, lo sciampo, dai

      Elimina
  3. Signora Bighi perchè vuoi cancellare anche i bei ricordi? Gli hai vissuti, conservali. Con affetto ANONIMO NON VENETO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Anonima, li conservo.
      Però non adesso, magari.
      basta poco, poi, per farli tornare

      Elimina
  4. Anch'io ogni tanto spero di lavar via anche i pensieri, quelli brutti però. I ricordi se sono belli vanno bene anche un po' impolverati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. li lascio prendere un po' di polvere, allora.
      poi quando sono pronta li tiro fuori ;)

      Elimina
  5. @Anonimo e @Ciccola: però il ricordo del dolore è ancora dolore, il ricordo della felicità non è più felicità, anzi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il ricordo della felicità non è più felicità, non sempre
      :)

      Elimina
  6. Risposte
    1. red, anche tu hai problemi con i tubi di scarico?

      Elimina
    2. no, W, io ho problemi soprattutto con le cricche.

      Elimina