mercoledì 21 novembre 2012

Piattini di riso e pianto

Ecco, è successo.
E prima o poi doveva capitare, lo sapevo.
Ché quando parti hai voglia di vedere tutti gli amici, e salutarli, e dirgli che ti ricorderai di loro, e che quando verranno in Italia, e che quando tu andrai in Francia, in Giappone, in America, a Taiwan, quando tornerai a Shanghai...
E allora prendi il telefono e inizi a scorrere la rubrica, e vedi dei nomi, mica sono tanti, quei nomi lì, che nella tua scheda cinese ci sono solo gli amici nuovi, e non sono mica tanti gli amici nuovi.
Veramente ci sono anche dei nomi che non ti ricordi bene a quale faccia appartengano, ma quelli sono pochissimi.
E poi mentre scorri la rubrica pensi adesso chiamo l'Amica Francese, e state al telefono un'ora e promettete di vedervi, prima di partire. E anche Doris, che adesso ha una pancia che sembra una balenottera con gli occhiali rossi, che da quando è incinta non vi vedete più tanto perché è sempre stanca, ma quando vi vedete vi abbracciate, pancia permettendo.

E mentre sei lì che scorri tutti i nomi arriva un messaggio, e sono Li Jie e Tamao che ti invitano a pranzo. E allora vi trovate nella lussuosa hall dell'hotel Millennium, e tu arrivi con le borse della spesa con la verdura e la toilet paper, e non è mica molto fashion andare in giro con la toilet paper ma qui in Cina non ci fa caso nessuno, nemmeno nella hall lussuosa dell'hotel Millennium.
E al secondo piano c'è un ristorante cinese dove mangiate ravioli e maiale dolce e anatra arrosto e pollo e manzo al peperoncino e noci zuccherate al sesamo, perché ordina Li Jie e tu hai voglia di provare tutto quello che sai che non mangerai più, perciò assaggi anche un pezzetto di piccione che ha proprio l'aspetto di un piccione, becco compreso, e anche le zampe di gallina, mollicce, con quelle ossa minuscole che si rompono in bocca e pare facciano così bene alla pelle, e il tofu spugnoso con i funghi e le arachidi, e la tapioca piccante, e usi le bacchette e scopri che sei diventata piuttosto agile, e non perdi più il cibo in mezzo alla tavola, e bevi il tè al gelsomino e ridi nel sentire che Tamao non andrà a Londra con suo marito perché fa troppo freddo e soprattutto perché ha il saggio di Hula Hoop, può mica perderselo anche se è principiante e la metteranno in fondo, là dietro un po' nascosta, e poi scopri che Li Jie ha una camera tutta rosa anche se ha trentacinque anni perché il feng shui dice che le donne senza marito devono circondarsi di quel colore lì, che è il colore dei fiori di pesco che con il loro profumo attraggono i mariti, e diciamo proprio così, i mariti, e ridiamo.
E poi Li Jie ordina un sacco di dolci, tutti quelli del menù così li posso provare prima di andare via, dice lei, e noi diciamo che è troppa roba e lei dice che se non mangiamo noi mangia lei, e poi dice anche che dovrebbe dimagrire per trovare i mariti e allora ridiamo ancora, e arrivano delle vaschette con una zuppetta di fagioli rossi dolci, una zuppetta di riso cotto nell'alcol di riso, una zuppetta con delle palline gelatinose arancioni, delle specie di tortine con delle palline gelatinose blu, dei quadrati di iced jelly con della frutta secca e degli involtini di crema alla banana.
E poi mi regalano due piattini cinesi, uno con i disegni azzurri di Tamao e uno di Li Jie con gli stessi disegni però in rosa, per via del feng shui, e mi dicono che così mi ricordo di loro, e allora realizzo che probabilmente non le rivedrò più, e aggiungo probabilmente ma solo per sentirmi meglio perché in realtà so che non le vedrò più, nonostante le promesse, nonostante i voli low cost, nonostante questa minchiata della globalizzazione, perché la Cina è lontana e anche il Giappone, e mi viene da piangere e penso che non mi servono i piattini per ricordarmi di loro, e ci abbracciamo e anche a Tamao viene un po' da piangere, e le do io un fazzoletto perché non se l'aspettava mica, di piangere un po', Li Jie invece sta seria, non ride nemmeno, e le cinesi quando sono tristi ridono di un riso finto e imbarazzato, invece lei non ride, mi guarda solo con gli occhi neri e mi dice Dimmelo se hai bisogno di qualcosa, io sono qui.
E così poi prendo la mia bicicletta e le guardo andare via e girarsi e salutare con la mano, e pedalo verso casa con la mia toilet paper e la verdura e i piattini cinesi, e mentre pedalo mi arriva un messaggio, I'll miss u, dice, e a me viene un groppo e poi sento le lacrime che scendono, e non è che mi cola il naso come quando piango tanto ma le lacrime sì, e provo a fermarle ma niente, si scioglie anche il mascara e non piove nemmeno che avrei la scusa per la faccia tutta bagnata, e penso va' che scema, e provo anche io a ridere di quel riso finto ma non funziona, e però poi penso anche che fa lo stesso, ché se non importa a nessuno di una ragazza con la verdura e la toilet paper nella lussuosa hall dell'albergo Millennium a chi mai potrà importare di una ragazza che pedala con dei piattini cinesi e la faccia bagnata di lacrime.

53 commenti:

  1. :_)
    E' venuto il magone a me, devi avre scritto questo post proprio bene

    RispondiElimina
  2. E' un pò quello che provavo io ogni volta che dovevo salutarti perchè ripartivi, ma solo un po' perchè tu torni e io non vedo l'ora di riabbracciarti! E adesso piango anche io, ma non ho il mascara e parto avantaggiata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo so, ti ho anche pensata, ho detto Mi par di essere l'amicabarbara che ogni volta ci mettiamo a piangere ;)

      Elimina
  3. Ehm, volevo dire "avere" naturalmente ^^'

    RispondiElimina
  4. Ma quando tornerai continuerai a scrivere Bighi in ......???
    Un abbraccio, buona vita Bighi, grazie per i bei momenti che ci hai dato leggendo le tua avventure .. ma continua a scrivere !!
    Luciana - Milano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie, Luciana!
      proverò, magari, a fare come dici ;)

      Elimina
  5. Mi è venuto un magone! mi raccomando continua a scrivere, sei unica, mi fai compagnia. Buon rientro, con affetto. Anonimo non veneto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma chissà che così magari non ci vediamo dal vivo, una volta!
      Grazie...

      Elimina
    2. SPERO proprio di si, anche con un caffettino, come dici tu? Buon viaggio di ritorno. Anonimo non veneto

      Elimina
  6. cos'è questa storia : "a chi mai potrà importare di una ragazza che pedala...", ma la ragazza saresti tu? ah ah bella sei bella, ma ragazza di una volta! mi spiace per ciò che proverai nelle prossime settimane, e l'incontro con le de amiche ne è un anticipazione, ma penso anche alla gioia nel ritrovare tutti, qua, fra le nebbie (mica tante ormai)! ti aspettiamo!
    l AleS

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara ales, a parte che tra te e mia sorella potreste contendervi la palma d'oro per la stronzaggine, ti informo che qui siamo tutte ragazze, anche a novant'anni. mica son le rughe che fanno la differenza :P
      non vedo l'ora di rivedervi, sì. bacio

      Elimina
    2. Ma io volevo solo sdrammatizzare !!! Sennò mi riduco anch'io modello panda ....
      L AleS

      Elimina
    3. lo so, io faccio solo *finta* di prendermela ;)

      Elimina
  7. scusa m'è scappata una u e un apostrofo!

    RispondiElimina
  8. è venuto il magone anche a me perchè ti ho conosciuta per caso due mesi fa e ho vissuto così poco la tua vita a Shanghai. Sono felice che rientri nella nostra bella Verona (concittadine) però ti prego non smettere di scrivere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concittadine? ci si vede per un caffettino, allora!

      Elimina
  9. Tutti col magone, confermo. Anche qui dalla California. Ti leggiamo e siamo partecipi in via informatica di queste avventure sinceramente vissute e condivise.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dalla California? appena posso passo a trovarti, eh.
      in via informatica, dico ;)

      Elimina
  10. lettrice praghese21 novembre 2012 21:37

    Grazie per la tua espressivitá! spero di cuore tu continuerai a raccontare e raccontarti!la tua lettrice praghese

    RispondiElimina
  11. che bello questo post! però, wonder, concedimelo: il piccione mi fa star male solo all'idea... il becco, poi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti dirò, non era neanche un gran che... un po' duretto, pure

      Elimina
  12. Ecco, così mi fai venire il magone.. che nonostante la gravidanza sia lontana e l'allattamento pure mi è rimasta la lacrima facile e non so più a chi dare la colpa..
    Ma scriverai ancora, ovunque andrai, vero?
    Mi hai abituata bene, mica puoi negarmi i tuoi post ora.. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. chissà... ci penserò su.
      Grazie però :*

      Elimina
  13. Risposte
    1. vuoi farmi una torta di consolazione? ;)
      vengo a prendermela, casomai!

      Elimina
  14. Non dà nessuna consolazione ...me che meno magra visto il menu:-)...ma intrecciare la propria vita alle altre crea legami ed ai legami non piace sciogliersi. Penso a come sarebbe non legarsi per non sentire il dolore della separazione.
    Ed anche le mie lacrime si mescolano alle tue. Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo so. pensa che qui a scuola fanno cambiare ai bambini sia compagni di classe che insegnanti ogni anno, per non farli affezionare troppo, per abituarli al cambiamento.
      ma io mica l'ho fatta, quella scuola lì...
      grazie, cirincia :*

      Elimina
  15. bello il tuo scritto !!siamo tutti un po' partecipi alla tua pena per il distacco...nM

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no,vabbè, lo so che voi siete tutti felici... e sandra lo so, mica per me, per le bimbe ;)

      Elimina
  16. Questi post d'addio (anche due o tre post fa..) mostrano una parte di te un po' diversa. L'insieme è armonioso.
    Quando parti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh, ogni tanto mi prendono le malinconie, vero? di solito poi passano ;)
      saremo in italia per natale, giusti giusti per il cotechino!

      Elimina
  17. ah, ma allora è una cosa veloce questo ritorno...
    e le bimbe si ritroveranno in una classe italiana a metà anno scolastico?
    anch'io voglio sapere come continua!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, a gennaio. ma non sono preoccupata, ho già visto che se la son cavata bene qui...

      Elimina
  18. è già finita la trasferta? :(

    bellissimo post :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. massì. e io che mi pensavo di star qui anni e anni!

      Elimina
  19. Cara Wonder,
    ti ho letto ieri sul cellulare e ho provato a lasciarti un commento, senza risultato.
    Adesso mi sono persa quello che dicono i tuoi lettori, ma ero rimasta a Luciana e avevo scritto che mi ero fatta la sua stessa domanda: "Bighi in..."?
    Non smettere di scrivere, c'è tanto da raccontare anche in Italia.

    I saluti sono momenti strani.
    So che non è lo stesso, ma, se vuoi, per ogni pranzo cinese che lasci avrai un cappuccino senza cacao che trovi.

    Buon ritorno a casa.
    Un abbraccio,
    M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso alle volte che non avrò più molto da dire, una volta tornata.
      Ma so anche che non resisterò alla tentazione, e probabilmente continuerò a infestare l'etere con i miei post.
      Mi consolo con l'idea che c'è posto un po' per tutti, qua dentro.

      Quanto ai cappuccini, uno almeno ce l'ho assicurato ;)
      Poi magari mi verrà anche voglia di provarne altri...
      Anche a te un abbraccio

      Elimina
  20. e se non ci fosse questo posto qui?
    le lacrime si asciugherebbero e basta.
    e invece eccole qui, le lacrime di una sconosciuta, a litigarsi le parole giuste.
    se non fossi passata di là da me non le avrei trovate queste lacrime sconosciute.
    che poi invece sono così simili alle mie e a quelle di emy, di cirin e di alessandra e di tutti, qua sopra.
    che è più o meno quello che sta pensando Li Jie, immagino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Red.
      Già tutta questa commozione mi commuove...
      Pensare che qualcuno possa ritrovarsi nelle parole che scrivo è una delle cose più belle che possano capitare.
      Ma non faccio mica sempre piangere, per fortuna. Son quasi sicura.

      Elimina
    2. sai, a volte ci si incontra con il sole.
      altre che piove.
      oggi piove di traverso, nei cieli tra oriente e occidente.

      Elimina
  21. devo dire grazie a mia figlia che mi ha fatto scoprire te e Morelle, leggervi è come farsi aggiornare sulle giornate belle e incasinate di vecchie (seppure giovanissime) amiche. vi gironzolo intorno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anch'io devo dire grazie a mia figlia che mi ha fatto conoscere Bighi tramite il suo blog, spero , tra non molto, di conoscerla anche personalmente. ANONIMO NON VENETO

      Elimina
    2. Dopo tutti questi commenti non puoi evitare di continuare a darci tue notizie in quel di Verona. Ormai sei diventata una soap opera. Dobbiamo sapere ... un abbraccio
      Luciana - Milano (amica di lAleS)

      Elimina
    3. @Nonna Beta, se ci fosse l'AleS, o un'altra S che so io, avrebbe qualcosa da dire su quel *giovanissime*. Ma si sa, è lo spirito che conta. E io a volte mi sento adolescente ;)

      @ANV, sicuro. Andiamo a farci una brioches da Dal Fior, sì?

      @Luciana, occhio che la Bighi-addiction potrebbe avere effetti disturbanti...

      Elimina
  22. Bello questo post. Proprio oggi scrivevo alla mia amica in cambogia che mi manca tanto.
    Noi manchiamo a voi, ma voi ci mancate un casino.
    Raffaella

    RispondiElimina
  23. Wonder! ho fatto 2+2 solo ora, adesso ho capito fino in fondo il post malinconico di alcune settimane fa... e quindi ti unisci agli ex-expats... per noi sono già passati 8 mesi e ti garantisco che neanche me ne sono accorto. Sono felice del tuo rientro, ma ammetto che ho la segreta speranza che tu continui a scrivere. A me manca un po'il tempo, ma ci provo in ogni caso. Mi raccomando, ci contiamo tutti! buon rientro!

    RispondiElimina