giovedì 18 ottobre 2012

Stordimento

I WonderParents sono ripartiti.
L'ayi, efficiente come una guardia svizzera, ha riportato ogni cosa all'aspetto primitivo. Ha ritrasformato la camera degli ospiti in studio, ha liberato il bagno della Wonder dagli oggetti personali del Bighi posizionandoli ordinatamente nel bagno giusto, ha lavato montagne di lenzuola, ha ridotto la tavola allungata, ha eliminato le sedie in più.
Da fuori, sembra quasi che i nonni non siano mai venuti.
Da dentro, invece, i nonni hanno lasciato il segno.
Hanno lasciato una Gabbianella sperduta alla continua ricerca della NonnaMimmi, una scatola di latta con alcuni cioccolatini superstiti, un statuetta orientale, un quadro appeso al muro, un catalogo di libri che adesso il NonnoGP starà cercando con un certo nervosismo e una Wonder così frastornata che ha passato due giorni a non fare niente, oziando tra il divano e il computer, a leggere almeno uno dei ventisette libri che il Nonno ha letto durante la sua permanenza qui e che la Wonder non ricordava nemmeno di avere, a ripassare i blog amici, a prendere il sole sulla terrazza, a comprare svogliatamente verdure e pane morbido.
Perché quando passi due settimane con una programmazione serrata peggio dei viaggi organizzati della ChinaAsiaTour, quando non vuoi perdere nemmeno un minuto e vorresti che loro non si perdessero niente di quello che ti piace, quando alle gite turistiche devi aggiungere la quotidianità della scuola, dei compiti, dei riti serali e le cene e la spesa e vorresti che tutto andasse bene, in ordine, senza sbavature e per quanti sforzi tu faccia è impossibile che succeda, allora arrivi così stremata che poi hai bisogno di decompressione.
Uno, due giorni.
Ok, Wonder, tre giorni. Ma adesso datti una mossa, eh.

35 commenti:

  1. Ora ho bisogno di una pausa anch'io. Sono stanca avendo solo letto come sono state queste 2 settimane per voi. Ecco, mi prendo 2-3 giorni pure io^^

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Commento precedente pieno di errori, quindi eliminato. Il concetto era: Io sono stanca con un figlio, un cane, un lavoro, un marito, una madre, un fratello. Moltiplica tutto per quattro, condiscilo in un paese straniero con problemi di lingua, casa, organizzazione e chiediti ancora se, hai diritto di essere stanca! WonderDida sei il mio stimolo, quindi se ti riposi un pò mi sento meno sfacciata se lo faccio anche io.
    Baci
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ce li hai tutti in casa? marito figlio lavoro cane mamma fratello?
      perché allora, mia cara, vieni qui che ci riposiamo insieme

      Elimina
  4. Anche le Wonder hanno bisogno di riposo... :D
    un abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a quello serve il mantello, a fare da coperta, nel caso...

      Elimina
  5. ti vogliamo più Wonder che mai :D prenditi tutto il tempo che serve però...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ok, ok, tre giorni son sufficienti...

      Elimina
  6. anch'io ho avuto bisogno di 2 giorni-uno e mezzo tenendo conto del viaggio-adesso comincia un po' di nostalgia....nM

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dai che natale è già qui
      cominciato a pensare ai regali?

      Elimina
  7. Ciao!!!
    Grazie mille per il tuo gentile commento nel mio blog! Adesso devo leggere il tuo blog e curiosare per vedere chi sei e cosa stai facendo!! :) E' bello scoprire mondi e persone nuove!! Lau

    RispondiElimina
  8. direi che un po' di decompressione ci sta tutta

    RispondiElimina
  9. povera Gabbianella sperduta... :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è passata dalla fase *dov'è nonnamimmi?* a *'desso ndiamo a casa della nonnamimmi*

      Elimina
  10. La sensazione di vuoto che resta e' davvero desolante. Prenditi il tuo tempo, noi siamo qui.

    RispondiElimina
  11. le partenze danno sempre malinconia ma la quotidianità aiuta a superare la tristezza, sorridi e fai una bella corsa (io non posso, l'anagrafe non mi aiuta) ciao cara., sei sempre in gamba! anonimo non veneto
    ,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anonima, so che di partenze ne sai qualcosa...

      Elimina
  12. Decomprimi, decomprimi: te lo meriti. Però torna a mettere le scarpette!!!
    M

    RispondiElimina
  13. Il riposo della WonderGuerriera :-) Un bacio alla piccola Gabbianella sperduta. Dopo 15 gg così ognuno reagisce a suo modo, ma dopo il primo momento di stanchezza, frastornimento e nostalgia rimane quella rasserenante sensazione di aver avuto 15 gg splendidi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero. stavo giusto riguardando le foto!

      Elimina
  14. Wonder sei wonder, niente da dire,
    questo ti dà diritto ad un wonder-riposo...se anche fai quattro;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, insomma, anche il Signur s'è preso un giorno solo... ;)

      Elimina
    2. Ma era da solo lui, non doveva cucinare, organizzare, far fare i compiti , prendersi cura della felicità di chi gli ti stava intorno...facile la vita:-)
      Sempre detto io: se dio esiste è femmina!

      Elimina
    3. ma sai che m'hai convinto?

      Elimina
  15. ciao micia! <3 <3 <3

    RispondiElimina
  16. Io credo che se mai verrò in Cina, a me potrebbe bastare anche solo venire a fare la spesa...credo sia già impegnativo e illuminante quello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti il mercato tradizionale è un'esperienza...

      Elimina
  17. Sensazione già provata! Solo che qui a Istanbul sono facilitata per la cucina: se il frigorifero dentro è vuoto basta prendere un magnete appeso fuori e ordini la cena. In dieci minuti arrivano e c'è l'imbarazzo della scelta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche qui c'è qualcosa del genere.
      si chiama sherpa, tu decidi il ristorante dove vuoi mangiare e lui ti porta a casa il menù che hai ordinato. greco cinese giapponese italiano turco messicano spagnolo thai... ormai si può fare in quasi tutti i ristoranti di shanghai!
      solo che ecco, dieci minuti no. ci vuole un'ora, se va bene

      Elimina