martedì 10 luglio 2012

Terapia d'urto per crisi d'astinenza

È partito ieri.
Dopo due settimane di vacanza totalmente immerso nella famiglia e letteralmente sommerso dalle sue donne, felice di averle addosso di giorno e di notte, nel mare e nel vento, nella sabbia e nel sole, dopo averle viziate con gelati e braccialetti e vestiti e anelli e averle riempite della sua presenza, il Bighi, occhi blu e pelle abbronzata, le ha riportate a casa, addormentate in macchina, guidando nella notte chiara di luna e di stelle.
Le ha coccolate ancora un po', per riempirsi del loro profumo, dei loro capelli, dei loro occhi chiari, e poi è partito, salutando con la mano fino a sparire sulla strada assolata.

E loro sono rimaste qui, un po' stordite, un po' frastornate, risucchiate dalle novità di una casa da riscoprire, divise tra nonni e zii e cugini e amiche e colpite da una sensazione nuova, di assenza, di incompletezza.

La BB, primogenita riflessiva e malinconica, guarda assorta oltre la finestra.
- Sai cosa vorrei, mamma?
- Eh, sì che lo so, me lo chiedi da venti giorni. Vuoi il monopattino. Ti prometto che lo compriamo. Una promessa è una promessa.
- Sì, vorrei quello. Però intendevo dire che vorrei il papà.

Il Gatto, neo quinquenne giocosa e furba, chiama di notte e vuole che stia un po' distesa con lei, come fa il suo papà.
- Mamma, posso un kinder?
- Amore adesso no, è notte, devi dormire. E poi ti sei già lavata i denti.
- Dai, mamma! Perché mi manca il papà. Posso?

La Gabbianella mi corre incontro, con i boccoli biondi che dondolano a ogni passo, poi si ferma e mi guarda negli occhi.
- Oè papi?
- In Cina, tesoro, ti ricordi?
- No. Oè papi? Io nanna.

Ognuno affronta la crisi d'astinenza come può.

C'è chi sogna a occhi aperti, chi assume dosi elevate di cioccolato, chi nega l'evidenza e si rifugia nel sonno.
 
La Wonder fa lavatrici, lava i piatti, pensa a come organizzare attività di svago per riempire la giornata e compra scarpe.

Mi sono informata. La fase acuta potrebbe durare alcune settimane.
Devo fare spazio nella scarpiera.

28 commenti:

  1. Dai che sono iniziati i saldi; così potrai comprare più scarpe e sentirti meglio spendendo la metà!
    Scherzi a parte, mi dispiace...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quella dei saldi è la scusa ufficiale...

      Elimina
  2. quindi tu sei qui ma lui è dovuto tornare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, 40 giorni di lontananza, come stare nel deserto.
      mi sembra che anche qualcun altro abbia passato 40 giorni nel deserto, ma era più attrezzato di me.

      Elimina
    2. ocio alle tentazioni allora.... ;-)))
      l'Ales

      Elimina
  3. Dagli di cioccolato. Non ascoltare chi ti dice che fa male. È falso. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanto poi c'è il monopattino per smaltire le calorie ;)

      Elimina
    2. massì, tanto la prova costume l'ho già fatta

      Elimina
  4. Cioccolato a palate!! Tanto per i brufoli è ancora presto... :-)
    Te lo dice una che è vissuta per anni con mamma e sorella. E il papà sempre in giro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho già il frigo pieno.
      tocca tenerlo in frigo, il cioccolato.
      magari ci si può fare un ghiacciolo

      Elimina
  5. A me a volte la grande mi chiede "ma papo poi torna". Teneri questi bimbi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. meglio che non me lo chiedano, ché il papi in questione non torna.
      nel senso che lo raggiungiamo noi, a metà agosto, nella terra di mezzo

      Elimina
  6. la nutella ha un potere consolatorio quasi a quello delle scarpe...pensaci:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh, non lo sapessi...
      diciamo che l'azione integrata delle due terapie è tendenzialmente vincente

      Elimina
    2. sì ma la nutella lascia strascichi che è meglio evitare!!!!
      l'ales... meglio scarpe e vestiti!
      l'ales

      Elimina
  7. Che famiglia meravigliosa..trasudate amore :)
    Mi sono dolcemente commossa leggendo il post..
    Questi giorni passeranno in fretta e presto sarete di nuovo tutti insieme..
    Sarete tristi, però, perché dovrete lasciare l'Italia e gli affetti..
    Cavolo..ma la felicità, quella vera, non potrebbe durare di più di "due settimane"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, insomma, siamo una famiglia normale, però sì, ci vogliamo bene.
      e quando c'è l'ammmoore, c'è tutto

      Elimina
  8. la sindrome da matrioska aiuta sempre in questi casi!
    anche al mio armadio serve una sistemata...

    belli, siete belli :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. rinnovo, rinnovo! alcune scarpe le dovrò pur sostituire, no?
      :*

      Elimina
  9. Benvenuta nel club cara mia: io sono al giro di boa, per belle belle 5 settimane di lontananza. A volte é proprio dura....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uack! vuoi dire che hai già rinnovato tutto il guardaroba?

      Elimina
  10. Il quadretto che ho immaginato tante volte, a me papà mancava fino a togliermi il fiato e non c'è stata cioccolata o sonno o scarpe che m'abbiano attenuato l'assenza. Forse perchè era perenne. Siete troppo dolci, carinisimmi... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oddio, quel tipo di assenza sarebbe insostenibile...
      :*

      Elimina
  11. Ma bella ll'estate in Italia...che voglia..SilviaL

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma tu che fai, non torni?
      ogni tanto ci vuole...

      Elimina
  12. ma si grazie a dio parto questo fine settimana. estate vuol dire europa, neanche se mi danno un biglietto gratis me ne vado da un' altra parte...SL

    RispondiElimina