martedì 1 maggio 2012

Sei giorni

È bella la mia città. Bello è camminare in centro, guardare le vetrine, incontrare per caso persone che conosci, salutarsi con la mano da lontano, farsi una foto con l´iphone, fermarsi a bere uno spritz aperol e raccontarsi e sentire raccontare, bello il cielo limpido e la luce chiara, la piazza piena di sole, la birra sotto i portici, la passeggiata con Dino, la sera a preparare coni di carta di bambù pieni di riso e petali di rosa.

Bella la pieve romanica, la sposa con la treccia bionda come Rapunzel, le damigelle con la coroncina di fiori, il Bobo innamorato.
Bella la festa, le tavole imbandite, i brindisi, le risate, la torta a strati, i confetti, le foto. Togliersi le scarpe e camminare nel prato, fino in fondo al campo di papaveri, e chiudere gli occhi, e respirare.
E ballare, la sera, e sciogliersi i capelli, le luci tra le piante, il vino, i baci degli sposi, la musica forte, l´aria ancora calda, le fiaccole, e guardare tutti quei ragazzi e bere qualche bicchiere di Bellini e sentire una vaga, appena percettibile tristezza.

Bello rivedere le amiche del platano, e abbracciarsi forte, e mangiare una pizza e sentire il rumore del fiume e parlare del futuro, e fare progetti.
E poi comprare prosciutti e speck e formaggi e olio e sperare che servano a farti sentire il sapore di casa, almeno un po´.

Bello camminare nel sole, da sola in mezzo alla gente, e guardare il fiume lento e verde diventare impetuoso sotto il ponte, e respirare il profumo dei tigli, e riempirsi gli occhi delle colline dei campanili dei palazzi e sentirsi a casa, padrona della città, non turista, non di passaggio.
E ridere con le sorelle, e incontrare amiche e comprare libri, e qualche vestito, e ancora libri, e bere una spremuta di pompelmo e poi uno spritz e correre sotto la pioggia, e aspettare che spiova un po´ al riparo dei portici, e abbracciarsi, di nuovo, e sentire che gli amici ti vogliono bene, da lontano, e ti pensano, e fare telefonate fiume con gli amici lontani e pensare che sono troppo pochi, sei giorni.

E passare mezz´ora a guardare le bambine su skype, e scoprire che qualche volta funziona, e si vede bene, e sentire una stretta al cuore, e pensare che in fondo sono tanti, sei giorni.


Questo post è stato possibile grazie alla presenza di una postazione internet gratuita al terminal 2 dell´aeroporto di Monaco.

27 commenti:

  1. tu mi rapisci il cuore :*

    roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io ti rapirei quei cake-pops meravigliosi! quelli dorati sono i miei preferiti...

      Elimina
  2. Cara Wonder, brava. Un bel dipinto di emozioni...buon ritorno in Cina, là c'è chi colma il senso di malinconia che rimane dietro la scia dell'aereo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, niente malinconia, solo voglia di stare là, un po', ancora, e voglia di tornare qua, insieme

      Elimina
  3. brividi in ogni dove!
    è bello anche leggerti
    buon rientro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, niente puzzoni vicini, stavolta! sai che brividi, quelli.

      Elimina
  4. Bello, bellissimo, anche senza la foto del qipao :-)
    Buon rientro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, ma la foto prima o poi (meglio prima) la deve mettere, altrimenti si accende la rivolta popolare!

      Elimina
    2. Mah, non so, sai che son meglio dal vivo...

      Elimina
    3. Comunque magari se ti capita guarda qui
      http://www.facebook.com/pages/Bighi-in-Shanghai/194667073967628?sk=wall

      Elimina
  5. Forza Verona!
    Che ti rivedrà presto con BB, gatti e gabbianelle.
    Buon viaggio.

    RispondiElimina
  6. Ok, amica del Platano ha già un attacco di nostalgia e sta piangendo a fontanella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mannò piangere, che tra due mesi son lì di nuovo.
      Non vi libererete tanto in fretta di me ;)

      Elimina
  7. la solita strappalacrime! ma mi sa che questa volta hai pianto anche tu mentre scrivevi.... e cmq la pizza di quella pizzeria sotto i portici mi è rimasta sullo stomaco, la prossima volta andiamo a mangiare roba de' no' altri, anzi de' voi altri perchè io sono adottata!
    un bacio grande e vedrai che la gioia di rivedere le "tornadogirls" ti farà passare in fretta la nostalgia canaglia!

    RispondiElimina
  8. perchè il commento che ho scritto prima loggandomi su google adesso non c'è??? sgrunt!
    L'AleS

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era finito tra gli spam! adesso ho rimediato.
      Quella pizza là non sarà stata il massimo (però a me è piaciuta), ma in fondo non eravamo lì per quella, no?

      Elimina
  9. Bello, il tuo post. Buon viaggio di ritorno, cara Wonder. Sarà un po' casa anche lì, a Shangai, dove la tua famiglia ti aspetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è così, anzi forse è casa è qui, a Shangai, e anche un po' là, a Verona

      Elimina
  10. bello il tuo scritto ! sì,è stato tutto un po' troppo veloce,ma potremo riviverlo con le foto...nM

    RispondiElimina
  11. Carissima, ti leggo e ti penso!
    Gaia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao cara, magari a luglio riusciamo a vederci, eh?

      Elimina
  12. Ho vissuto per un po' lontana da casa, non così lontana come te, ma le emozioni provate e gli stati d'animo sono stati simili.
    Una differenza sostanziale, però, c'è: io non avrei saputo descriverli così bene!
    Baci

    RispondiElimina
  13. Oioioi mi stai facendo pensare che tra qualche giorno tocca a me andare in Italia e lasciare la famiglia. Non vedo l'ora... per tutte queste cose che elenchi, e nello stesso tempo già so che le bimbe mi mancheranno.
    P.S. Anch'io girerò per libri, vestiti, libri.

    RispondiElimina