venerdì 21 settembre 2012

Di tagli e potature

I giardinieri del nostro compound sono personaggi bizzarri.
Durante l'estate mi hanno potato le rose brutalmente, vanificando il lavoro di mesi (insomma, lo so che crescono da sole, ma le avevo fatte arrampicare così bene...). 
La settimana scorsa due figuri si sono materializzati in giardino. Uno aveva una pala, uno un alberello.
Hanno piantato l'alberello in un posto qualsiasi.
Ora, non è che mi dispiacciano gli alberelli. 
Lo so, dovrei anche avere delle remore nel dare giudizi di merito, dato che il mio pollice è lontanissimo dall'essere verde, anzi direi che tende al rosa.
Però. Secondo me non è che puoi mettere un albero dove capita, e poi quello cresce e fa i fiori e magari anche le mandorle e lo scoiattolo che se le mangia. Di solito si cerca il posto giusto, si mette della terra buona, si guarda se deve stare al sole o all'ombra, gli si dà un po' di acqua, insomma quelle cose che un giardiniere dovrebbe sapere.
Ora l'alberello è defunto, o almeno sembra sulla buona strada.
Mi tocca tirarlo via. O tagliarlo alla base. Mica lo voglio, un alberello moribondo, che poi con me muore sicuro, e mi prendo pure la colpa.

Comunque, ho fatto dei cambiamenti.
La terrazza non c'entra niente, ché ancora non ho trovato qualcuno che mi vende delle canne di bambù di quattro metri e mezzo.
No, dico, nel paese del bambù, dove ci sono intere foreste di bambù e l'unico animale del mondo che vive solo di bambù, non dovrebbe essere difficile, no? E invece pare di sì. Ma io non demordo, troverò quella benedetta canna di quattro metri e mezzo, dovessi rubarla all'impalcatura del vicino.

Tenetevi forte. Anzi, sedetevi, che certe notizie vanno date davanti a un caffè.
Mi sono tagliata i capelli.
Vabbè, mica come l'AmicaBarbara eh.
Avevo una foto di un taglio che mi piaceva, l'ho portata al parrucchiere.
Che ho trovato questo parrucchiere che si chiama Bono, che già il nome è una garanzia, che ha studiato da Tony&Guy, parla inglese e francese e ha questo negozio piccolissimo in Wuding lu, proprio all'incrocio con Changde lu, pieno di foto di attori francesi e di cartoline vintage, dove non ti fanno massaggi né manicure e non ti puliscono manco le orecchie, dove sono tutti ragazzi, nel senso di maschi giovani che lavorano in silenzio ma col sorriso negli occhi, e insomma quel posto lì mi è piaciuto subito, e ho deciso che andrò sempre lì anche se devo fare quarantacinque minuti di metropolitana e poi quindici a piedi.

E insomma ho portato questa foto a Bono, un ragazzo alto, col pizzetto e la faccia tonda, i capelli rasati sulle tempie e un ciuffo sopra raccolto in una coda, gli occhi sottili e un cinturone porta attrezzi con spazzole, forbici e pinzettoni. Una specie di cowboy del capello, insomma.
Lui ha guardato la foto e ha detto Sono corti. Io ho detto Sì, vanno bene, puoi farli così? E lui ha detto Facile. Che qui son metodici. Tu gli porti una foto, e loro ti fanno uguale uguale, che son degli artisti, a copiare. Certe volte ti dicono No, non si può fare con questi capelli qui, vieni diversa. E tu lo sai già che vieni diversa, ma ti piace quel taglio là. Comunque a me non l'ha detto. A me ha detto Facile.
Se lo dici tu, ho pensato. Però ha detto anche Guarda che poi dopo non è mica facile da pettinare, a casa, non sei mica capace, da sola.
Vabbè, adesso stiamo qui a rompere il capello in quattro. Verrò qui, a farmi pettinare, dai.
E quindi adesso ho i capelli come quella foto là. Che poi è questa qui.
Però ecco, non è che sono proprio uguale. Solo i capelli.

35 commenti:

  1. Io ho il pollice nero...riesco a far morire anche le piante finte. Per i capelli...quasi quasi mi cerco un parrucchiere cinese, quella cosa del copiare bene mi sa che torna utile :) Però se quelli della foto sono definiti capelli corti mi sa che abbiamo un senso delle misure molto diverso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io con le piante finte me la cavo abbastanza. ogni tanto le lavo, così va via la polvere...
      i capelli li avevo piuttosto lunghi, è questione di prospettiva ;)

      Elimina
  2. sono corsa a vedere subito la foto,temevo molto....in realtà non mi pare un taglio "difficile da pettinare":secondo me devi stare benissimo!nM

    RispondiElimina
  3. meno male che c'è skype, così magari riesco a vederti! mi sa che Viola Emi ha ragione quanto al senso dele proporzioni, o forse, avendo tu prima i capelli molto lunghi, Bono intendeva in confronto ai tuoi. Vabbè, ma Bono ce l'ha il pollice verde per i capelli? sennò...;-)))
    Bacio
    L'AleS

    RispondiElimina
  4. inoltre aggiungerei che, data la tua wonderitudine, credo tu sia sempre gran gnocca (come dici tu) con qualsiasi taglio ...
    lassarda

    RispondiElimina
  5. Brava, anche a me piacciono i tagli drastici! E la pettinatura che hai scelto è molto bella.
    Per quanto riguarda gli alberelli piantati a casaccio mi hai fatto ricordare l'Eritrea: anche lì facevano in quel modo. Poi il clima era talmente meraviglioso che tutto cresceva, ma se messo nel posto sbagliato era ancora peggio! Almeno da te muoiono!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. muoiono sì, ma non è un bel vedere!
      mi tocca inseguire i giardinieri

      Elimina
  6. Il taglio è bello, elegante ma non eccessivo, e poi se Bono ha detto "Facile"... mi ispira fiducia questo Bono. Secondo me anche da sola poi te la caverai benissimo a metterlo a posto, basta farci un po' la mano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho già la spazzola giusta. almeno parto con gli strumenti adatti!

      Elimina
  7. Beh! ma i capelli sono il bello di quella foto lì... tu sarai migliore... (modalità provolone off)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie gae della fiducia! sicuro che sia off la modalità provolons?

      Elimina
  8. Se tu hai il pollice rosa io ce l'ho nero.
    figurati che quando mio padre è partito per un mese, avevo io il compito di innaffiare le piante un giorno si e uno no e puntualmente io facevo un giorno si e quattro no. ma son dettagli...
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma ci parlavi? vuoi più acqua, meno acqua, quelle cose là?

      Elimina
  9. "Dovessi rubarla all'impalcatura del vicino" ahaha mi fa ridere! Potresti chiedere alle ditte di impalcature, chissà se le vendono. Io sono rimasta sconvolta dagli intrecci di bambù, altissimi, con la gente che sembra appesa...

    Il taglio è super chic, mi piace moltissimo! Ma io lo considero lungo, boh. Te lo sei fatto come regalo di compleanno?

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. Anch'io mi sono tagliato i capelli. Sembro Charmeleon e non mi hanno fatto la ricevuta. Quarantacinque minuti di metro e quindici a piedi, hai detto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehi 13 pensi di andarci? vengo anch'io XD

      Elimina
    2. non è dietro l'angolo, lo so. però costa poco (trattamento completo 25 euro, circa) ed è bravo. meglio di così!

      Elimina
  12. credo che se avessi portato una foto del genere dalla mia parrucchiera (non sono certa tuttavia di averne una..) starebbe ancora ridendo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bono non ha fatto una piega. ma perché dovrebbe ridere?

      Elimina
  13. non sarai uguale, sarai unica! tze!

    non vi tedio sul colore del mio pollice.e ho detto tutto!
    ma i cinesi...i cinesi...che fine gli hanno fatto fare la fengshui, e all'equilibrio cosmico, e alfai la casa dove il toro dorme (prima aspetta che si svegli da solo però!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quelle lì son robe da internal designer. poi ci si arrangia un po'. se ti avanza una albero, vorrai mica buttarlo via subito. apsetta almeno che sia un po' morto...

      Elimina
  14. anche a milano i parrucchieri cinesi cominciano ad andare forte. ce n'è uno che mi fa morire dal ridere: zona sempione, ha aperto con sfrontatezza la sua bottega minimalista - diciamo così - proprio di fronte a quei saloni aperti anche di notte con luci muzzicadeeeens modelle e un'acciuga a forma di maschio che ti taglia i capelli parlando di xfactor. in tutto 90 euro per una basetta.
    dovendo scegliere vado da chang, ovvio
    ciao wonder :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh, chang la sa lunga, secondo me
      ciao metiu :)

      Elimina
  15. ciao Bighi, mi piace chiamarti cosi, sono appena tornata dalla parrucchiera, guarda caso, e devo dire che cambiare pettinatura da un pò di carica, tu sarai bellissima comunque. pensa che a me, oggi, mi hanno pettinata con la frangia, mai avuta in vita mia! della serie non è mai troppo tardi. salutoni. Anonimo non veneto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'unica volta che ho provato a tagliarmi la frangia sembravo la franzoni. non mi son guardata allo specchio per tre mesi.
      tu invece starai benissimo!

      Elimina
  16. A te piace? l'importante è quello. Io al tuo posto avrei osato e mi sarei fatta fare un taglio svilato, geometrico etc.
    Luciana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. coi miei capelli il taglio geometrico mi dura... fammi pensare... forse trentacinque minuti. se c'è umido ventidue.

      Elimina
  17. Ok allora, se non fossi cosi' lontana passerei anche io da Bono visto che ogni volta che segnalo una foto al parrucchiere, lei o lui decidono comunque di improvvisare, che poi esco felice comunque neh.

    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah no, qui copiano. e ci mancherebbe, no?

      Elimina
  18. Beh, a parte il pollice che il mio è a pois! ma andare da un parrucchiere che si chiama Bono come il cantante degli U2 fa partire bene la storia dall'inizio! Adesso voglio in pvt una foto tua! Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sai che sono refrattaria alle foto. comunque la ale mi ha visto in anteprima mondiale!

      Elimina