sabato 29 settembre 2012

Welcome parents

Sono arrivati i WonderParents.
Sono arrivati a due giorni dalla festa di mezzo autunno, quando si mangiano i dolcetti della luna che riempiono tutti i negozi di pacchettini colorati, e a tre giorni dalla festa nazionale, quando tutte le scuole sono chiuse e si fa festa e si guardano i fuochi d'artificio e si sentono i botti per una settimana intera.
Sono arrivati in un pomeriggio ventoso dopo dodici ore dentro un aereo pieno di cinesi e un'ora dentro un taxi guidato da un tassista pazzo lungo strade sopraelevate tra la campagna e i grattacieli.
Sono arrivati con due sole valigie che hanno aperto, in mezzo a tre bambine saltellanti, sul pavimento del soggiorno, e che sembravano la borsa di Mary Poppins.
Da quelle valigie hanno tirato fuori regali per le bambine, pensieri di nostalgia e doni per quel giorno speciale passato come un giorno qualunque. In un turbinio di carte e pacchetti e fiocchi sono arrivate due bottiglie di olio, un chilo (un chilo!) di cioccolatini, due bottiglie di grappa, tre quaderni da colorare, tre orsi di cioccolato con tre cuoricini al collo, due bottiglie di vino, tre cuori di zucchero blu, un sacchetto di medicine, tre libri, uno shampoo speciale e una crema speciale per i capelli nuovi della Wonder, un latte idratante profumato buonissimo, tre braccialetti, un completo da bici per l'inverno, tre buste con dentro tre lettere commoventi, quella crema là che toglie le righe e anche i quadretti, una sottoveste del colore nuovo dell'inverno e una meravigliosa acquamarina dentro un sacchettino di seta.

E adesso, se non vedete la Wonder, per un po', non preoccupatevi. C'è, e vi pensa, eh. 
 
È solo che, per un po', sarà travolta dal sonno, dalle feste, dai racconti, dai capricci, dalle guide turistiche, dai pranzi da preparare, dalle gite da organizzare, e sarà impegnata a tenere ben saldo tra le mani un filo sottile di pensieri ancorato a un grumo di nostalgia portato in alto dal vento.

21 commenti:

  1. immagino le tue bambine| mi sembra di vedere i bambini della nostra comune amica. Quando vado a trovarli aspettano sempre con curiosità l'apertura della valigia, c'è sempre qualcosa per loro. A me basta un'ora di aereo, la prossima settimana andrò a trovarli. Goditi i tuoi parenti, anche loro saranno presi dala nostalgia. Un abbraccio. Anonimo non veneto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie caro AnonimoNonVeneto. chissà che felici anche i *tuoi* bambini!

      Elimina
  2. "tenere ben saldo tra le mani un filo sottile di pensieri ancorato a un grumo di nostalgia portato in alto dal vento"
    come lo capisco :) goditeli

    RispondiElimina
  3. beneeeeeeeee!!!! bacissimi a tutti zc

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciauuuu! e grazie del regalo, mi sta benissimo! :*

      Elimina
  4. Goditeli che è come ritornare a casa.

    RispondiElimina
  5. Goditeli che è come ritornare a casa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quasi, sì. adesso mi pare che siano sempre stati qua!

      Elimina
  6. E allora quella crema là vuol dire che funziona!
    Buona festa nazionale in famiglia a tutti voi ;)

    RispondiElimina
  7. Che bella la famiglia che riempie le valigie di doni e lascia a casa i vestiti! Sono più importanti i sorrisi delle belle mise per stimarsi davanti agli altri, che scommetto degli "altri" non gliene importa granché, mentre di "questi" hanno una nostalgia infinita. Come la tua.

    RispondiElimina
  8. bé, se serve aiuto per il kg di cioccolatini son qua eh?? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah, non credo. qui la cioccolata va via come il pane! e mano male che mi son messa a correre...

      Elimina
  9. Sembrano le valigie dei miei genitori quando vengono a trovarci! Buone feste!

    RispondiElimina
  10. Risposte
    1. grazie cara, un bacio grande anche a te!

      Elimina
  11. Wow....posso auto-invitarmi per un poco, diciamo due secoli? :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avvo, vuoi fare un po' di pratica? qui ci son tre femmine, ti fai bene un'idea...

      Elimina