sabato 7 aprile 2012

Offerte speciali per mete esotiche

Quando si parla di vacanze estive è sempre meglio pianificare in anticipo, che poi altrimenti le occasioni sfumano, e ti ritrovi a passare le ferie alla piscina comunale, sognando mari tropicali mentre risolvi il bersaglio e annerisci le caselle delle parole crociate senza schema.
E di solito per l'estate si va al mare, o in montagna.
Le città d'arte son roba da intellettuali, sai che caldazzo in agosto girare per le città, che poi ti sogni l'amaca e il libro e il bicchiere di cocktail con l'ombrellino e il tramonto sulla spiaggia mentre vaghi per le sale del museo di arte moderna con le guardie boccheggianti e annoiate dentro le divise blu scuro che si fanno aria con il dépliant dell'ennesima esposizione permanente.
(Ok, non andrebbe proprio così. Non saresti su un'amaca, al limite sull'asciugamano perché la sdraio te l'ha fregata la figlia 1, la bibita sarebbe una limonata e te l'avrebbe bevuta la figlia 2 e il libro sarebbe in acqua a fare la barchetta della figlia 3. Però son dettagli, si diceva così per dire, no?).
Che poi questa opzione della città d'arte è scarsamente utilizzabile in Cina per chi è abituato all'arte italiana, e tutto sommato 'sti milioni di brocche sbeccate e specchi e ceramiche della dinastia Ming hanno un po' rotto. Sì, d'accordo, la grande muraglia, l'esercito di terracotta, però siamo sempre lì, sul filone archeologia, che due palle.

Ma qui intorno, ci sarà ben qualcosa che vale la pena vedere, no?
Filippine? Mah, non so se m'ispira. A Singapore c'è un negozio di vestiti proprio carino. Papua Nuova Guinea mi sa tanto di indigeni antropofagi. Australia! Ecco, che figata, l'Australia è sempre stata nei miei sogni! Ci mettiamo 12 ore di volo però, mica proprio così vicina. Cambogia e Vietnam, son sempre accoppiati 'sti due paesi, che ti immagini a fare esplorazione su una di quelle imbarcazioni di giunco con le vele enormi in mezzo ai fiumi il sole che tramonta e in testa un cappello di paglia. Turismo naturalistico, tipo.
Al mare dove si va? Si va in Malesia, che sia stagione giusta? Ci siamo già stati, in Tailandia anche, però ci tornerei, sai le PhiPhi Islands hanno sempre un certo fascino.

E che dire del Giappone? Dai, sì, andiamo in Giappone. Ci mettiamo su pure la canzone, Big in Japan, che trovata geniale, l'han scritta giusta per noi. Anche la versione di Martin Solveig, per i ggiòvani.
Tokio? Macché, lì ci vanno tutti. Osaka? Mica è primavera, che ci sono i ciliegi in fiore. Ci vorrebbe qualcosa di più dinamico, di avventuroso. Epperò, mannaggia, c'è mica qualche offerta speciale, che so, una riduzione comitive? Che a muoversi in cinque convien fare un mutuo.

Ecco qui, trovato.
Offerta speciale per giugno. Volo diretto da Pudong, in tre ore sei lì. Cinque giorni/quattro notti ti costano 3.000 yuan, e quando torni a casa te ne danno indietro 400.

Maddai? Cioè ti pagano per andare là? Forte.

Poi te ne danno altri 400 se fai vedere in giro le foto. 
Tipo che ti invito a cena e dopo un'abbuffata di sushi per entrare in atmosfera ti tocca sorbirti tutto il viaggio minuto per minuto, che una volta erano due ore di diapositive al buio e potevi anche dormire sulla sedia, ma adesso sono 3500 scatti digitali da otto mega ciascuno, che il computer impiega quaranta secondi a visualizzarne uno,  e io mi becco 400 yuan (che moltiplicato per 5 fa una cifretta). 

Bella questa trovata per incentivare il turismo.

E dove rimane questo posto? Ecco qui, Fukushima si chiama. È pure sul mare. Chissà perché il nome mi suona familiare.
Ma l'offerta è valida solo se sei cinese.
Che uno pensa Che sfiga, alle volte, nascere italiano.

La notizia è riportata da cnngo, che non pensiate che mi invento le cose.

14 commenti:

  1. questa è discriminazione !!!
    ;-)))
    L'AleS

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo appieno! AmicaBarbara

      Elimina
    2. Sai mai cosa c'è dietro, forse è una tattica per ridurre la popolazione della Cina

      Elimina
  2. Sì, è un po' una sfiga. Ma solo per l'offerta per Fukushima eh...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però anche se sei in crociera sulla Costa Concordia non si può dire che c'hai tanto culo

      Elimina
  3. Non lo so mica se ci andrei, a Fukushima. Manco pagata :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, diciamo che non è tra le mete top ten, ecco.

      Elimina
  4. No, ma sul serio? Praticamente ti regalano un viaggio a Fukushima, ma solo se sei cinese? Fantastico! :-DDD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, c'è pure un ufficio, si chiama Fukushima Prefectural Government Shanghai Office. Il Giappone ringrazia con una campagna di comunicazione apposita

      Elimina
  5. considera idromassaggi gratis!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che non ci avevo pensato? dici che l'acqua del mare fa le bolle?

      Elimina
  6. Ma che bella scoperta che sei, appena ho un pò di tregua vado sbirciando a ritroso

    RispondiElimina
  7. dici che quando cominceranno a pagarmi per andare a Jesolo sarà il caso di preoccuparsi?
    yoghi

    RispondiElimina