sabato 21 aprile 2012

Un sabato qualunque (il peggio sembra essere passato)

Non c'è verso. Proprio non imparo. Essì che ormai un po' di esperienza dovrei averla fatta.
Ci casco regolarmente.
Sarà che certe cose bisogna farle, anche se son pesantissime, sarà che il cervello le seleziona, le mette in evidenza, in carattere jokerman, che quasi quasi ti sembran simpatiche, ma alla fine le fai e sei pure contenta.
E alle sei e trenta, più o meno un'ora prima della cena che devi ancora preparare, lanci un'idea che viene accolta con grida di gioia, e allora pensi che davvero queste cucciole sono così cariiiine, e guarda come basta poco per farle felici che quasi quasi ti commuovi un po', e le segui mentre ballonzolano su per le scale e saltellano e non fanno in tempo ad arrivare in bagno che già si son tolte tutti i vestiti hanno aperto l'acqua hanno messo il bagnoschiuma e si stanno giusto infilando nella vasca.
E tu controlli la temperatura dell'acqua, che da quando hanno sistemato la pompa l'acqua viene caldissima e non vuoi bollirle, le cucciole, basta solo che siano lavate bene, poi metti dentro anche la Gabbianella che altrimenti si butta con tutti i vestiti, e raccomandi di lavarsi le orecchie e la faccia oltre a fare il gioco dei travasi, che dopo una giornata alla festa dell'Earth Day ce n'è bisogno, e però guai a toccarle che fan tutto da sole, e dopo un po' pensi che se la cavano bene e vai giù in cucina a mettere su l'acqua per la pasta, che quella sì deve bollire, e stai anche a pensare al sugo, perché a te la pasta in bianco fa venire una tristezza micidiale anche se a loro fa impazzire, e allora tagli un po' di cipolla sottile sottile e la metti in padella con l'olio buono e poi aggiungi dei pomodorini freschi ch'è meglio metterli nel sugo che son nel frigo da ieri non li mangia nessuno, e dato che ci sei metti anche la tovaglia a i piatti così è già quasi pronto, e poi pensi anche adesso controllo la posta, ma poi cambi idea perché da sopra non senti rumori e quando non senti rumori c'è da preoccuparsi.

- Oddiiiiiiiiiio cosa avete fatti qui?
- Eh, non sono stata io!
- Nemmeno io!
- Non avevo dubbi, sempre colpa della Gabbianella solo perché non sa parlare
- ia ia no appa ia ia cacanca me me
- Tu meglio che stai zitta che c'hai ancora la prova del disastro in mano! Guardate che roba, tutto allagato! ma non vi si può lasciare sole un attimo, proprio!
- È che io dovevo lavarmi qua e l'acqua non ci arriva e allora la BB l'ha presa
- No! non è vero, è stata lei che l'ha voluta
- Va bene va bene, lasciamo stare, adesso venite fuori
- No!
- Una alla volta, dai!
- Però mi asciugo i capelli da sola...
- Sì, ti asciughi da sola. Esci adesso. Tu ferma lì che sennò scivoli.
- Io mi son lavata i capelli da sola, guarda... c'ho ancora cchiuma?
- No, non hai più schiuma, però adesso stai ferma che asciugo un po' qua.
- Ti aiuto col fon?
- Mamma guarda che mani che ho tutte con le righe
- Mammmmmaaa mmaaammmmmaaa chichìo appa, chichìo!
- Anche tu cosa? Cosa stai dicendo che non capisco? Ma non bere quell'acqua zozza! Non vedi che nera, che vi siete rotolate nel fango stamattina?
- Mamma, quando sono asciutti?
- Eh, se tieni il phon verso il soffitto domani siamo ancora qui. Ti aiuto? Dai che facciamo prima.
- No!
- Aahhhh! Mamma, la Gabbianella sta facendo la pipì, che schifo!
- Oddio, ci manca anche quella. Gatto esci, dai, ti sciacquo così la pipì va via. Intanto togliamo il tappo così siamo a posto.
- Anche io mi asciugo da sola.
- Eh, sì. BB, intanto mettiti il pigiama così sei pronta.
- Adesso tocca a me asciugarmi i capelli!
- Mi lavo anche i denti?
- No, non serve, quelli te li lavi dopo mangiato. Gabbianella stai ferma che sennò ti va tutta l'acqua in faccia, brava, brava! La mia cucciola più brava di tutte. Adesso fuori anche tu, dai.
- Mamma, non trovo le mutande!
- Cerca nel tuo cassetto
- Ma voglio quelle delle uincs! Non ci sono qui

Wonder stai calma. Respira.

- Le devi spostare le cose, altrimenti come fai a vederci sotto? Alzi qui, vedi? Eccole qua.
- Ah, grassie mamma.
- Posso andare a fare un disegno?
- Sì certo, vai. … Non usare le cerette, che ti tocca rifare il bagno.
- Mammmmmaaa! ti è chetto?
- Dimmi amore, cosa... Maaannnòòòòò, tutto il rotolo ha srotolato? Ma insomma, Gabbianella, non ti si può lasciare, anche te... uffa! E non scappare che sei ancora nuda, dai che prendi freddo, vieni qui...
- Ecco fatto, sei pronta, andiamo giù ch'è tardi, è ora di cena...

Oddìo il sugo! ho lasciato il sugo sul fuoco!
Ecco, carbonizzato, fantastico. Pure l'acqua s'è consumata. Ecchepppalle!

Stasera wurstel e purè in busta. E guai a chi si lamenta.

22 commenti:

  1. proprio ieri sottolineavo che sempre, dico sempre, il troppo silenzio oppure quel rumore imercettibile destano un sospetto, sembrano innocui ma nascondono sempre gran disastri. La mia piccola ieri giocava allegramente con le mani nel WC. SantiNumi ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ossignùr. finora a me mai successo, che io sappia...

      Elimina
    2. La Bea ha pulito il water col suo asciugamano da viso! AmicaBarbara

      Elimina
    3. Ma poi ci si è pulita la faccia? argh

      Elimina
  2. Hai tutta la mia solidarietà! Quando devo recuperare mia figlia di quasi quattro anni dalla vasca devo indossare la muta da sub e le pinne!!!
    Che il bagnetto serale sia rilassante per i bambini, a mio avviso, è solo una leggenda metropolitana!
    Wurstel e purè? Cena di tutto rispetto!
    ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I wurstel son proprio l'ultima spiaggia, qui. e il WonderDaddy inorridiva al pensiero del purè in busta. Sono cresciuta col mito inarrivabile delle minestre pronte.

      Elimina
  3. E tu hai avuto il coraggio di predirmi un futuro con un sabato simile (o comunque non eccessivamente diverso) e vendermelo addirittura per invidiabile?! Non mi fiderò mai più di te! :-D
    (scherzo, tu lo sai, ma magari altri commentatori no e mi linciano)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hehe, scherzetto!
      C'è chi ci casca, sai, e si moltiplica. potrebbero assumermi al ministero per la ripopolazione. sotto falso nome, però.

      Elimina
  4. Anche a me succede con due però... vogliono sempre fare il bagno insieme con le barbie e i pentolini. Quando poi azionano l'idromassaggio dopo aver sprecato fior di bagnoschiuma non ti dico cosa succede!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah, la schiuma dell'idromassaggio! fa disastri. Ma qui è talmente rumoroso che si spaventano e hanno smesso di schiacciare bottoni a caso

      Elimina
  5. Qui le bimbe, come sai, sono due, e magari dopo averle lasciate in vasca al motto di "giocate cinque minuti che poi arrivo" non preparo il sugo, ma mando quelle tre-quattro mail per il coro e il motoclub. Comunque la scena che mi si presenta quando riappaio in bagno - ricordandomi improvvisamente delle pesti in ammollo - è abbastanza simile alla tua. Tra le storie per uscire dall'acqua, il "papà ho freddo!", la treenne che vuole balzare fuori da sola a rischio di scivolare e rompersi il rompibile, l'ultima sessione di travasi, il "diobono non ho preso la loro biancheria", l'ora di cena si avvicina minacciosamente, mi ingegno per ottimizzare i tempi, asciugando la piccola mentre la grande gode di altri due minuti di vasca, per poi tirarla fuori per i capelli mentre la piccola vuol assolutamente finire di prepararsi da sola, ecc ecc ecc .
    Insomma, normale amministrazione, sembrerebbe...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è che non sono separabili, le cucciole. quando una fa una cosa, tocca moltiplicare. contemporaneamente, ovvio

      Elimina
  6. Risposte
    1. eh, ci si dovrebbe consolare a sapere che è "mal" comune, sì?

      Elimina
    2. aasolutamente--il fatto è che mi sono sempre chiesta come si potesse così dimezzare il gaudio!

      Elimina
  7. nel più rigoroso silenzio, mi sono preoccupata anche io. ed infatti, Topo era già arrivato a metà delle scale, a gattoni -.-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'importante è che non rotoli giù. Ma a quel punto diventa già più rumoroso

      Elimina
  8. Solo una parola.............spettacolare... non sai quanto vi invidio.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, ecco, ehm... magari meglio se ci invidi una volta che non brucio il sugo, eh?

      Elimina
  9. Ah ah ah! Anche qui le cose bruciate non si contano! Ma una volta mio marito mi ha detto: "non Importa, si che l'hai fatto con amore perciò e' buono lo stesso".. Ora ho l'alobi per tutte le volte che metto qualcosa sul fuoco me ne dimentico!
    Per ora invece il mio piccolino ha imparato solo a fare sciaf sciaf con le manine, il danno e' contenuto..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehm, no, qui se è bruciato si butta via. se c'è tempo si rifà, altrimenti niente. talvolta riesco a recuperare qualcosa, ma poi mi tocca mangiarlo da sola, che la BighiFamily si rifiuta

      Elimina
  10. SwagBucks is the number 1 work from home site.

    RispondiElimina